Piano Sociale di Zona

Il Piano Sociale di Zona (PSdZ), predisposto sulla base delle indicazioni del piano sociale regionale, è lo strumento di programmazione degli interventi e dei servizi del sistema integrato locale da realizzare nell’ambito del distretto socio sanitario, ha durata triennale e viene aggiornato annualmente.

Il Piano Sociale di Zona, previa analisi e valutazione dei bisogni e dell’offerta dei servizi nell’ambito territoriale di riferimento, è definito in coerenza con la programmazione sanitaria di ambito regionale distrettuale e dell’ASL e prevede in particolare:
a) gli obiettivi strategici e le priorità di intervento;
b) gli obiettivi economici e finanziari da assegnare ai responsabili dell’attuazione del piano finalizzati alla loro valutazione;
c) la programmazione e il coordinamento dei servizi e degli interventi del sistema integrato;
d) gli strumenti e i mezzi per la realizzazione e la gestione dei servizi e degli interventi del sistema integrato;
e) gli indirizzi per l’organizzazione e la gestione coordinata e integrata nell’ambito del distretto socio sanitario delle prestazioni sociali a rilevanza sanitaria, a carico dei Comuni, con le prestazioni sanitarie a rilevanza sociale, a carico dell’ASL, d’intesa con l’ASL;
f) le risorse finanziarie e la relativa ripartizione degli oneri tra ASL e Comuni per l’erogazione a livello distrettuale delle prestazioni socio-sanitarie di cui alla lettera e);
g) le modalità per realizzare il coordinamento con gli enti che gestiscono i servizi territoriali, con particolare riferimento ai servizi educativi e scolastici e a quelli gestiti dall’amministrazione penitenziaria e della giustizia;
h) le modalità e gli strumenti per il monitoraggio sullo stato dei bisogni e del sistema locale dei servizi che consentano la misurabilità degli obiettivi assegnati e l’identificazione delle inefficienze;
i) i criteri per la valutazione di impatto della programmazione effettuata a livello locale;
j) le forme e le modalità di partecipazione dei cittadini e degli utenti al controllo della qualità dei servizi.

Il Piano Sociale di Zona è comprensivo del piano distrettuale per la non autosufficienza ed è approvato dal comitato istituzionale, d’intesa con l’ASL competente limitatamente alle attività socio-sanitarie.

Le organizzazioni sindacali ed il terzo settore sono coinvolti nella fase istruttoria di elaborazione del Piano Sociale di Zona ed esprimono parere sulla proposta di piano.

IN QUESTA PAGINA

Piano Sociale Di Zona 2016
Piano Sociale Di Zona 2014